"Cambiare" aria!

25/3/2016

"Cambiare" aria!

Category Categoria Consigli


Con il riscaldamento acceso, si fatica ad aprire le finestre e a “cambiare” aria in casa, per paura di disperdere inutilmente il calore.

Eppure, questa buona abitudine dovrebbe essere quotidiana, perché assicura il ricambio dell’aria e ne migliora la qualità.

Il comfort climatico però dipende anche dalla temperatura e dall’umidità dell’aria: la sensazione di caldo e di freddo è collegata all’umidità presente in casa.

  • Per un buon sonno il tasso di umidità ottimale dovrebbe essere tra il 40 e il 65 %, a seconda della temperatura. Un eccesso di umidità può portare alla formazione di muffe (a causa della condensa sulle pareti più fredde) e a un generale stato di malessere; quando scende sotto il 20 % l’aria diventa troppa asciutta e può causare altri problemi (secchezza alla bocca e alle vie respiratorie, rischi di infiammazione, fastidio a respirare e a produrre saliva).

  • Per tenere sotto controllo questi parametri basta un termometro o un igrometro; per regolare l’umidità si può prendere eventualmente un umidificatore.

  • Perché il sonno sia migliore, ricorda anche di areare i locali (cinque minuti, più volte al giorno), anche in rapporto al numero delle persone e al tipo di attività svolta.

Non usare diffusori di olii o profumi: peggiorano la qualità dell’aria.


Cerca nel blog
Contatti

Somaschini Lane
22060 Carugo (Co) - via Garibaldi, 15
tel. +39 031 761241 r.a.
fax +39 031 763605
p.iva 00221790132